Certificazione IEI: anche il gruppo Eureka sceglie l’Istituto come valore aggiunto dei propri prodotti in Italia e all’estero

Maurizio Fiorani

Proseguire nel concetto di miglioramento qualitativo da rendere certificato grazie al protocollo di IEI. Con questo presupposto Eureka ha scelto l’Istituto Espresso Italiano (IEI) per dare un certificato di qualità ad alcuni dei prodotti messi nel mercato italiano e internazionale. In particolare, l’azienda toscana ha da poco completato la procedura di certificazione IEI anche per gli ultimi prodotti andati ad arricchirne l’offerta professionale, Helios 65 ed Helios 75, ed aver ampliato così il numero di macinacaffè nel proprio catalogo che possono fregiarsi della qualifica. “Credo fermamente nello IEI come ambasciatore dell’italianità nel mondo – spiega infatti Maurizio Fiorani, managing director dell’azienda toscana – Dobbiamo prendere esempio da paesi come la Francia e la Germania che riescono a portare nel mondo insieme ai loro prodotti la cultura dell’intero Paese. Questo è ciò che fa IEI nel campo dell’espresso italiano: fare sistema e promuoverlo con un grande marchio ombrello, creare e trasferire cultura attorno ai nostri prodotti e condividere così nel mondo le regole e gli standard di settore. Il marchio IEI viene riconosciuto come elemento nobilitante e garanzia di qualità, in grado di contribuire nel processo di scelta dell’attrezzatura, spesso determinandola”.

Con un design innovativo, un display touch di nuova generazione e dalle altissime prestazioni in termini di produttività e di usability, la nuova gamma Helios presentata sul mercato da Eureka è in grado di semplificare enormemente la quotidianità del barista, ulteriore fiore all’occhiello di un’offerta Eureka sempre più ampia e variegata, espressione di un’azienda leader del settore in Italia e nel mondo. “L’attenzione italiana per tecnologia ed estetica ci rendono un riferimento in tutto il mondo – continua Maurizio Fiorani – supportando innovazioni tecnologiche d’avanguardia con prodotti di design. In un mondo di macchine grigie e nere, sappiamo proporre forma e colore, per un macinacaffè che è oggigiorno anche un elemento di arredo, la cui estetica è sempre più ricercata.”
Estetica e tecnologia quindi, simbolo nel mondo dell’italianità che piace e che convince. Istituto Espresso Italiano è italianità nel caffè, ed è anche per questo che a breve distanza dalla sua introduzione sul mercato la nuova gamma Helios è stata subito sottoposta alla procedura di certificazione, per rinnovare e ampliare un binomio che tanto successo ha già raccolto e continua a raccogliere, in Italia quanto all’estero.

L’Espresso Italiano Certificato

Alla base della certificazione dell’Istituto Espresso Italiano c’è il profilo dell’Espresso Italiano Certificato, elaborato in partnership con l’Istituto Internazionale Assaggiatori Caffè (IIAC) e il Centro Studi Assaggiatori. Grazie a una ricerca che ha coinvolto migliaia di consumatori, si sono definite le preferenze del pubblico in materia di espresso e confrontate con il giudizio degli esperti. Da questo processo è nato il profilo dell’Espresso Italiano Certificato che ha permesso di individuare una volta per tutte l’espresso perfetto, quello che non tradisce le aspettative del consumatore. L’espresso italiano perfetto è quindi una tazzina con circa 25 millilitri di caffè ornato da una crema consistente e di finissima tessitura, di color nocciola tendente al testa di moro, resa viva da riflessi fulvi. L’aroma deve essere intenso e ricco di note di fiori, frutta, cioccolato e pan tostato. In bocca l’espresso deve essere corposo e vellutato, giustamente amaro e mai astringente.

Leggi anche:

Scrivi un commento