Coffee Lovers: cresce il numero di appassionati di caffè, in Italia e soprattutto all’estero

31 Maggio 2022

Tra i 20 e i 30 anni, con una scolarizzazione elevata, appassionato di food & wine, con capacità di spesa medio-alta. È in estrema sintesi il profilo del Coffee Lover, l’appassionato di caffè e di tutto il mondo che vi ruota intorno, che negli ultimi anni ha dimostrato di essere sempre più presente (in numeri) nei mercati internazionali. E oggi sempre più anche in Italia, grazie al lavoro svolto da tante aziende del settore in termini di diffusione della cultura del prodotto.

Il Coffee Lover visto con gli occhi delle imprese e degli addetti ai lavori

L’Istituto Espresso Italiano (IEI) ha voluto innanzi tutto chiedere ai propri partner e associati se si può parlare di “fenomeno”, così come lo è nel vino o in altri settori del food. Ebbene secondo l’esperienza condivisa gli amanti del caffè esistono e per lo più non c’entrano niente in maniera diretta con il mondo del caffè stesso. Sono soprattutto giovani professionisti, o prossimi alla laurea, che hanno una grande passione in generale per il wine & food e i viaggi. Stimolati soprattutto da eventi dedicati e momenti di divulgazione all’interno di caffetterie, quindi un fenomeno sviluppatosi soprattutto nell’ultimo decennio. Gli amanti del caffè si possono definire persone che amano identificarsi con il prodotto: gli piace berlo, seguono esperti e brand sulle piattaforme di social media, amano intrattenersi acquisendo informazioni. Una parte di questi Coffee Lovers frequenta anche brevi corsi di qualche ora per avere ancora più cognizione. Inoltre, ogni amante del caffè ha alcuni, se non addirittura multipli, strumenti per preparare il caffè a casa con diversi metodi, e ama provare caffè da varie torrefazioni e discutere con altri amanti del caffè on line. A questo proposito, sono numerose le pagine social dove gli amanti del caffè sfoggiano una foto del loro caffè o si mettono in mostra proprio con le loro tazze preferite.

Il ruolo delle aziende per stimolare questo “movimento” di appassionati

Secondo il sentiment delle aziende sentite dall’Istituto Espresso Italiano (IEI), la figura dell’appassionato è sempre più importante in un mondo di condivisione social. Rappresenterebbero infatti non solo dei consumatori “speciali”, ma dei veri e propri ambassador senza secondi fini e quindi ancora più credibili da parte dei propri followers. Ambasciatori non solo del brand unico, ma dell’espresso in generale. In particolare, tante aziende italiane stanno coltivando questo movimento di appassionati con attività interne o in collaborazione con partner. Lo fanno attraverso corsi (da brevi a seminari) in cui non solo si racconta la filiera, ma anche i tipi di miscele, il modo di degustare un caffè espresso e tutto quello che ne è la derivazione. Nello specifico, i corsi sensoriali sono un aspetto molto rilevante in questo lavoro di affiliazione degli appassionati perché di immediata comprensione.

Leggi anche:

Certificazione IEI: Rancilio Group sceglie l’Istituto come valore aggiunto dei propri prodotti in Italia e all’estero

31 Maggio 2022
Luca Creti

Certificare per garantire la qualità del prodotto si in Italia che all’estero. Con questo presupposto Rancilio Group ha scelto l’Istituto Espresso Italiano (IEI) per dare un certificato di qualità ad alcuni dei prodotti messi nel mercato italiano e internazionale.

La certificazione rilasciata dall’Istituto Espresso Italiano (IEI) è una garanzia di qualità, riconosciuta sia in Italia sia all’estero. Da oggi anche le nostre Classe 20 esporranno il marchio IEI e si aggiungono così ai prodotti Rancilio che rappresentano e tutelano la ricetta dell’espresso italiano nel mondo – ha dichiarato Luca Creti, Direttore Vendite Italia in Rancilio Group – Il ruolo di IEI è centrale nella definizione dell’espresso italiano, supera le interpretazioni, le abitudini di consumo, le mode del momento e contribuisce a definire l’espresso come un patrimonio del nostro paese. Come tutte le aziende aderenti a IEI, grazie al disciplinare e ai panel di assaggio, possiamo misurare e controllare il risultato dell’interazione tra le tecnologie che sviluppiamo per i nostri prodotti e la materia prima caffè. Da oggi anche le nostre Classe 20 sono qualificate IEI, sia nella versione SB con tecnologia Steady Brew sia nelle versioni ASB con sistema multi-boiler, e questo per noi è un motivo di orgoglio, un successo professionale, una garanzia in più che potremo offrire ai nostri clienti”.

L’Espresso Italiano Certificato

Alla base della certificazione dell’Istituto Espresso Italiano c’è il profilo dell’Espresso Italiano Certificato, elaborato in partnership con l’Istituto Internazionale Assaggiatori Caffè (IIAC) e il Centro Studi Assaggiatori. Grazie a una ricerca che ha coinvolto migliaia di consumatori, si sono definite le preferenze del pubblico in materia di espresso e confrontate con il giudizio degli esperti. Da questo processo è nato il profilo dell’Espresso Italiano Certificato che ha permesso di individuare una volta per tutte l’espresso perfetto, quello che non tradisce le aspettative del consumatore. L’espresso italiano perfetto è quindi una tazzina con circa 25 millilitri di caffè ornato da una crema consistente e di finissima tessitura, di color nocciola tendente al testa di moro, resa viva da riflessi fulvi. L’aroma deve essere intenso e ricco di note di fiori, frutta, cioccolato e pan tostato. In bocca l’espresso deve essere corposo e vellutato, giustamente amaro e mai astringente.

Leggi anche:

Iiac Partner: Caffè Camardo

24 Maggio 2022

A volte un’ispirazione può diventare la fonte di successo che si perpetua per le generazioni successive: questo è accaduto al cavalier Bartolomeo Camardo quando, nel 1948, durante un viaggio in Sud America restò così affascinato dalle coltivazioni di caffè da aprire a Roma, nel 1951, la Bottega del Caffè. Ritorna, poi, nella sua terra d’origine, il Molise, dove realizza una nuova torrefazione garantendo, così, il futuro alla sua famiglia e contribuendo non poco all’economia locale, tanto che il comune, grato, gli dedica la via in cui ha sede lo stabilimento.
Da oltre settanta anni la Camardo esporta nel mondo la tradizione italiana del caffè. Non solo la esprime attraverso tutte le forme in cui viene preparata la bevanda (fu tra i primi a produrre cialde E.S.E.), ma anche attraverso l’Accademia del Caffè (Master Baristi®) fondata nel 2016 per trasferire la conoscenza al mondo professionale e non, nella convinzione che la qualità per essere remunerata debba essere percepita, ma anche nella pragmatica osservazione che è il barista l’attore di filiera che può aumentare o deprimere il risultato in tazza. Un’azienda storica, ma sempre al passo con i tempi, che oggi si contraddistingue per l’utilizzo di energie rinnovabili e l’inserimento di prodotti biologici ed ecosostenibili.

Leggi anche:

Iiac Partner: Torrefazione Caffè Saturno

17 Maggio 2022

Nascere alla fine di una guerra, viverne una seconda e trovarsi agricoltore: così fu per Pietro Notti, classe 1919, che a 25 anni decise di diventare venditore di caffè. E, come di frequente succede, i venditori intelligenti hanno la vista lunga, tanto da portarli verso la produzione in proprio. Quindi, nel 1952, nasce la Torrefazione Saturno, così chiamata in onore dell’ammiraglia Faema delle macchine da caffè dell’epoca. Nel 1979 entra in azienda Fausto Devoto, figlio d’arte nell’attività di spedizioniere del caffè e profondo conoscitore dei caffè d’origine di tutto il mondo. Fausto, insieme a Ugo Pareglio, nipote di Pietro Notti, portano l’azienda a svilupparsi verso il nuovo millennio. Giusto il punto in cui inizia la qualità che porterà l’azienda a conquistare diverse medaglie d’oro all’International Coffee Tasting e all’ingresso nell’Istituto Nazionale Espresso Italiano nel 2004, organismo in cui si mette in mostra portando alla conquista del titolo di Espresso Italiano Champion di Filippo Mezzaro, un giovane barista alessandrino.

Assolutamente degno di nota il percorso di Fausto Devoto nell’Istituto Internazionale Assaggiatori Caffè: iniziato nell’anno 1999, dal 2004 ne è vicepresidente. Una passione trasmessa al figlio Simone che nel sodalizio ha solcato i percorsi formativi conquistando l’abilitazione di trainer.
Il cda che oggi guida l’azienda è composto da Fausto Devoto, Simone Devoto e Barbara Pareglio.

Leggi anche:

Giulio Trombetta nuovo Presidente di Exclusive Brands Torino

10 Maggio 2022
Il precedente Presidente Pininfarina e il nuovo Presidente Trombetta

EBT: Exclusive Brands Torino, la prima rete di aziende di alta gamma Made in Italy, ha eletto Presidente Giulio Trombetta (A.D. di Costadoro), al termine del mandato di Paolo Pininfarina.

Il Presidente Trombetta ha nominato Vicepresidenti Edoardo Cavagnino (Gelati Pepino 1884) e Alessandra Girardi (Vanni Occhiali).

La Rete, nata nel 2011 e promossa dall’Unione Industriali Torino, raccoglie oggi 24 imprese di diversi settori, che spaziano dal tessile, alla tecnologia, dalle strutture ricettive all’alta gioielleria, dall’enogastronomia all’estetica, alla moda.

L’obiettivo è creare sinergie per promuovere e valorizzare i brand su mercati esteri, individuando nuove strategie commerciali e opportunità, consolidando il successo internazionale attraverso la condivisione di esperienze.

“Sono onorato ed entusiasta per questo incarico, che assumo con grande senso di responsabilità. Ringrazio i colleghi che mi hanno scelto come loro rappresentante: oggi inizia una nuova avventura, all’insegna della massima collaborazione. Sono grato ai Past President Licia Mattioli e Paolo Pininfarina, che hanno svolto un lavoro eccellente e mi lasciano un’eredità importante, che accolgo con orgoglio e consapevolezza. In questo particolare momento congiunturale, la rete deve porsi obiettivi ambiziosi: l’eccellenza delle nostre aziende emerge non solo dai prodotti di ciascuno, ma anche dall’attenzione al territorio e alle persone. Con i miei Vicepresidenti e con il nuovo Organo Comune ci impegneremo per raggiungere nuovi mercati, coinvolgere i giovani, gli studenti e tutta la comunità. Lo faremo, anche grazie al valore aggiunto dato dallo stare insieme: imparare gli uni dagli altri, continuando a migliorare”. Commenta Giulio Trombetta: nuovo Presidente di Exclusive Brands Torino

Giorgio Marsiaj, Presidente dell’Unione Industriali Torino, ha dichiarato: “Faccio i miei migliori auguri a Giulio Trombetta per la nomina alla Presidenza di Exclusive Brands Torino, che rappresenta un’eccellenza nella promozione di prodotti e servizi torinesi a livello internazionale. Oggi il nostro obiettivo è porre le basi per una crescita solida e duratura: se vogliamo che questo accada, le imprese devono fare rete per accrescere la propria competitività sui mercati globali, attraverso progetti di partnership, con strategie e obiettivi comuni”.

Il nuovo Organo Comune di EBT – Exclusive Brands Torino, che passa da 5 a 7 membri, è composto da Luca Boffa (Gruppo Building), Edoardo Cavagnino (Gelati Pepino 1884), Alessandra Girardi (Vanni Occhiali), Roberto Pissimiglia (Edizioni Esav), Giulio Trombetta (Costadoro) e da Licia Mattioli (Mattioli), Presidente Onorario Fondatore, e Paolo Pininfarina (Pininfarina), Presidente Onorario Ambasciatore.

Leggi anche:

Un nuovo inizio per La Genovese

10 Maggio 2022

Riprendiamo volentieri il comunicato stampa di La Genovese.

Il 9 maggio comincia un nuovo inizio: il nostro storico negozio di Albenga, Caffè e dintorni chiude per far spazio a nuove idee.

L’apertura di un negozio è stato l’inizio de La Genovese. Era il 1936 quando Dario Valle aprì una piccola bottega di torrefazione senza altri “fronzoli”, il caffè era l’unico prodotto venduto. La bottega di via Mazzini, che faceva sia da negozio, sia da laboratorio, sia da deposito, era dedicata alla vendita al dettaglio. Fin da subito però la torrefazione ha cominciato a vendere anche ai pubblici esercizi, spaziando da Laigueglia a Loano, e consegnando il caffè in sella a una bicicletta.

Da allora, pur essendo trascorse quattro generazioni, la filosofia de La Genovese non è cambiata. Tostiamo il nostro caffè artigianalmente cercando di mantenere un rapporto diretto con i clienti anche attraverso la presenza di un negozio sul nostro territorio.

Certo negli anni di cambiamenti ce ne sono stati, fin dal 1949 quando Giuseppe Borea acquistò il primo furgoncino, un FIAT Topolino, e l’attività di distribuzione del caffè arrivò a toccare i locali di tutta la Riviera.
E poi negli anni sessanta il primo trasloco. Dai 60 metri quadri della piccola bottega, decisamente pochi per ospitare l’attività, si è passati ai 170 di via Vittorio Veneto. Anche la bottega si trasforma e comincia a vendere, oltre al caffè sfuso anche altri, pochi per la verità, prodotti coloniali come il cioccolato e caramelle. Ma tutto rimane insieme, torrefazione, magazzino e vendita al minuto.

Nel 2003 si cambia ancora. E ancora per motivi di spazio. La torrefazione si trasferisce nella zona industriale di Albenga e la bottega si impossessa di tutto la spazio offerto dai locali di Via Vittorio Veneto e si trasforma in “Caffè e dintorni”. Il nuovo negozio, sempre dedicato a vendere tutte le nostre miscele, confezionate e sfuse, macinate e in grani, amplia l’offerta di prodotti coloniali a cui affianca prodotti dolciari di altissima qualità.

E arriviamo a oggi…
In questi ultimi vent’anni il mondo del caffè è cambiato in modo vertiginoso.

La richiesta da parte dei consumatori di caffè e di miscele di alta qualità è aumentata. Monorigine, Specialty coffee e caffè equo sostenibili fanno sempre più parte della nostra quotidianità, così come i nuovi metodi di estrazione. La comunità degli amanti del caffè è cresciuta grazie ai social media e i caffè si vendono online. Anche il mercato de La genovese è uscito dai confini della riviera e ora è presente sulla gran parte dei mercati europei, in Asia e negli Stati Uniti.

Per tutti questi motivi Caffè e dintorni conclude il suo percorso, per rinascere nei prossimi mesi in qualcosa di nuovo.
I tempi sono cambiati, le idee di caffè sono in continuo movimento e anche il nostro modo di relazionarci con il nostro territorio ha bisogno di innovarsi.
Nel segno dell’aroma di caffè tostato.

Vi aspettiamo a presto


Non rinunciare al tuo caffè preferito. Te lo portiamo a casa noi senza spese di spedizione.

FINO AL 30 GIUGNO SPEDIZIONE GRATUITA PER TUTTI I PRODOTTI acquistati sul nostro shop online con il codice promozionale: PROMO

La promozione è valida fino a mezzanotte del 30 GIUGNO 2022.

Leggi anche:

Caffè Moak indice l’ottava edizione di Fuori Fuoco Moak – Concorso internazionale di fotografia

10 Maggio 2022

Riprendiamo volentieri il comunicato stampa di Caffè Moak Spa.

Caffè Moak con il supporto organizzativo di Archinet S.r.l., indice l’ottava edizione di Fuori Fuoco Moak – Concorso internazionale di fotografia.
A partire da oggi é possibile iscriversi, il concorso è aperto a tutti i fotografi, professionisti e amatoriali, chiamati a raccontare una storia o realizzare un mini-reportage attraverso una sequenza di 3 immagini che facciano riferimento al caffè.
Le opere vincitrici saranno scelte da una giuria i cui componenti sono:

Lorenzo Meloni – Presidente di Giuria Reporter Magnum Photos

Cinzia Caccia Direttore creativo, Socio ADCI

Giuseppe La Spada Artista, Socio ADCI

Marco Lentini Grafico e Art Director for[me] Moak

Giuseppe Mastromatteo Artista, Consiglio Direttivo & Art Ambassador ADCI

Stefania Siani Direttore creativo, Presidente ADCI

Il termine ultimo per l’invio dei lavori fotografici è il 10 ottobre 2022. Il vincitore sarà reso noto a novembre.

Ai tre primi classificati saranno dedicati una serie di premi tra i quali una macchina fotografica Nikon*
Si prega di consultare la descrizione dettagliata dei premi nel bando.
Moak diffonderà le fotografie selezionate dalla giuria attraverso mostre, eventi e materiale promozionale.

Le sequenze vincitrici di ciascuna edizione del concorso costituiranno negli anni una esposizione permanente presso la sede di Caffè Moak S.p.A. a Modica.

Alleghiamo il bando completo.

Leggi anche:

Istituto Espresso Italiano (IEI): Luigi Morello confermato alla presidenza dell’organizzazione che tutela Espresso e Cappuccino

6 Maggio 2022

Nuovo consiglio di amministrazione per l’Istituto Espresso Italiano (IEI), l’organizzazione che tutela l’espresso e il cappuccino italiani tramite una certificazione sensoriale unica nel settore del caffè. Per i prossimi tre anni sono stati nominati consiglieri Alessandro Borea, Renato Bossi, Barbara Chiassai, Luca Creti, Simone Devoto, Maurizio Fiorani, Luigi Morello, Carlo Odello, Luigi Odello, Assunta Percuoco, Carmen Stanziola, Carlotta Trombetta e Antonia Trucillo.

Riconfermato Luigi Morello come presidente e Barbara Chiassai come CEO. Gian Paolo Braceschi, già Responsabile della certificazione della qualità, assume il ruolo di direttore generale. “Abbiamo aumentato in modo importante la quota di giovani professionisti che siedono in consiglio, un dato molto positivo perché il caffè italiano necessita di una forte collaborazione tra diverse generazioni per potere competere soprattutto a livello internazionale – ha commentato Luigi Morello – Il nostro compito è da un lato continuare a lavorare sul miglioramento della qualità media al bar in Italia, dall’altro aiutare la filiera a valorizzare la qualità a un giusto prezzo, interagendo non solo con la parte produttiva ma soprattutto con il cliente finale e i giovani”.

L’espresso italiano: valore del Made in Italy in crescita costante. Chi consuma caffè espresso beve principalmente 1 o 2 tazzine al giorno (58%) e preferisce la mattina come momento di consumo: il 77% di chi beve caffè espresso lo fa tutti i giorni appena sveglio. A tracciare una mappa dei costi e degli usi che gli italiani sostengono e fanno della bevanda che ci tiene svegli, ci ha pensato Coffee Monitor, il primo focus dell’Osservatorio social monitoring di Nomisma sviluppato in collaborazione con Datalytics. Sul podio sale il caffè espresso, la principale tipologia di caffè scelta dagli italiani che hanno consumato la bevanda negli ultimi 12 mesi. E il consumo è un consumo abituale. L’espresso viene scelto dal 93% dei consumatori di caffè. Residuale la percentuale di chi predilige il caffè americano, orzo o altre tipologie di caffè (7%).

Il caffè espresso si beve al bar. Il 58% di chi beve caffè espresso lo fa per trovare la carica necessaria ad affrontare la giornata. Espresso non è tuttavia solo fonte di energia, chi lo beve lo fa anche per il gusto (51%) ed in parte per abitudine (30%). Il caffè espresso evoca nell’immaginario dei consumatori momenti di relax (53%), un piacere (47%), ma al contempo un rito, una tradizione (37%). Il consumo di caffè espresso non è relegabile in un solo luogo, prevale piuttosto una modalità di consumo “multi-luogo”, il bar resta comunque quello preferito, scelto dal 72% del target di riferimento.

Leggi anche:

International Coffee Tasting 2022: nuova formula per il concorso internazionale del caffè

3 Maggio 2022

International Coffee Tasting, il concorso internazionale del caffè organizzato dall’Istituto Internazionale Assaggiatori Caffè (Iiac), apre le iscrizioni per l’edizione del 2022. Nato nel 2006, in questi anni il concorso ha valutato quasi 2.500 caffè da oltre 30 paesi del mondo, nel 2021 i prodotti partecipanti sono stati più di 300.

Per l’edizione 2022 International Coffee Tasting rafforza il suo impianto scientifico. Confermata infatti la valutazione statistica stringente dell’operato di ogni singolo assaggiatore chiamato a giudicare i prodotti in gara. La grande novità è nuova formula per il calcolo del punteggio dei caffè valutati, un metodo ora completamente pubblico e disponibile anche sul sito del concorso.

“International Coffee Tasting è l’unico concorso al mondo che basa il calcolo del punteggio solamente su caratteristiche misurabili e controllabili del prodotto, per rompere definitivamente con la logica del ‘mi piace’ o ‘non mi piace’ che vediamo in altri contesti – commenta Luigi Odello, presidente Iiac – Inoltre il metodo e la formula sono completamente trasparenti e a disposizione di chiunque. Sono certo che questo potrà essere uno stimolo per l’intero mercato, fornendo a tutti la possibilità di confrontarsi con un nuovo modo per misurare la qualità dei caffè”.

Quest’anno sono previsti due appuntamenti: una sessione estiva e una sessione autunnale, le iscrizioni sono già aperte a www.internationalcoffeetasting.com

Leggi anche:

Iiac Partner: Altromercato

26 Aprile 2022

Può un consumatore comprare bene? Certo, se acquista in modo consapevole, se è attento a scegliere un prodotto con packaging riciclabile, se evita gli sprechi. Ma può un consumatore fare del bene alle persone e al pianeta scegliendo cosa acquistare? È quello che fanno quotidianamente i clienti che si affidano ad Altromercato, un’Impresa Sociale formata da 94 soci e 225 botteghe, che ogni giorno intreccia relazioni commerciali con artigiani e aziende di tutto il mondo, dando vita alla principale realtà di Commercio Equo e Solidale in Italia e tra le più importanti al mondo. Equo e Solidale: questi due aggettivi racchiudono tutta la filosofia di Altromercato, da sempre attenta all’inclusione negli scambi commerciali di organizzazioni di produttori che altrimenti ne sarebbero escluse, al controllo della filiera e alla sostenibilità economica. Non solo, significano equità delle regole, condizioni di lavoro dignitose, retribuzioni corrette, attenzione per il benessere delle risorse umane, promozione di soluzioni innovative e rispetto dell’ambiente. Ma significa anche offrire scelte concrete per i consumatori, che con i piccoli gesti quotidiani possono rendere il mondo un posto migliore. Quando una realtà arricchisce e valorizza i propri lavoratori e le rispettive famiglie, fa del bene al territorio e alla sua comunità. Altromercato sa fare del bene, e lo fa bene, per tutti.

Leggi anche: