Daniele Bitto vince la gara preliminare di Espresso Italiano Champion 2016 ospitata da CMA Astoria

La tappa del campionato baristi dell’Istituto Nazionale Espresso Italiano (Inei) vede la vittoria di Daniele Bitto, già vincitore nel 2014
 
È Daniele Bitto a vincere presso CMA Astoria la gara preliminare di Espresso Italiano Champion 2016, il campionato baristi dell’Istituto Nazionale Espresso Italiano (Inei).
 
“Mi ero preparato sulla scorta delle esperienze di gara precedenti, ma il livello degli altri concorrenti è stato davvero alto – ha commentato Bitto – È la terza volta che partecipo alla gara, mi ero già qualificato per la finalissima di Londra nel 2014, ciò che mi piace di più è l’adrenalina che sale quando sono in postazione”.
 
Daniele Bitto è stato barista per molti anni, poi è passato alla formazione ed è in forza da qualche anno a Dersut Caffè di Conegliano dove ha la possibilità di trasferire ai giovani colleghi la sua esperienza. Si è scontrato con altri sei professionisti di tutta Italia (alcuni arrivati perfino dall’Umbria) e accede ora alle semifinali del campionato che si terranno a Trieste presso la fiera Triestespresso il 20 ottobre (finalissima il 21 ottobre). Dopo questa tappa, il calendario delle gare preliminari ne prevede altre in tutta Italia e all’estero (Cina, Taiwan, Corea, Giappone e Grecia): nel 2015 hanno gareggiato più di 200 baristi.
 
Espresso Italiano Champion non è una gara facile: i concorrenti devono trovare la giusta macinatura del caffè e preparare quattro espressi e quattro cappuccini, il tutto in undici minuti e sotto gli occhi dei giudici tecnici e il controllo di un gruppo di assaggiatori dell’Istituto Internazionale Assaggiatori Caffè (Iiac) che operano alla cieca.
 
“Per il terzo anno consecutivo abbiamo deciso di supportare l’Istituto Nazionale Espresso Italiano nell’organizzazione della gara – ha commentato Stefano Stecca, direttore commerciale CMA Astoria – Il livello dei concorrenti è cresciuto, in questa edizione in particolare abbiamo visto delle performance davvero eccellenti, ma fa piacere vedere che non si è perso lo spirito originale della gara che resta soprattutto un’ottima occasione di confronto tra baristi”.

Leggi anche:

Scrivi un commento