Altascuola Coffe Training diventa Iiac Academy

2 aprile 2019

Altascuola Coffee Training di Caffè Milani, azienda socia dell’Istituto Nazionale Espresso Italiano (Inei), si qualifica Iiac Academy. La storia lunga 80 anni di Caffè Milani, ha inizio nel 1937, quando Celestino Milani ebbe l’idea di produrre caffè con una tostatrice discontinua nella sua piccola caffetteria nel centro storico di Como, dispensando espresso per abitanti e turi­sti del romantico lago. Una passione, quella per il caffè, che il figlio Pierluigi e la famiglia Milani condividono con il mondo intero, partecipando alla costituzione dell’Istituto Nazionale Espres­so Italiano (Inei) e diffondendo la cultura per l’espresso nel centro polifunzionale della nuova sede di Lipomo, strutturata sin nella sua ideazio­ne come nucleo per eventi, centro di formazione Altascuola Coffee Training, museo del caffè e bi­blioteca tematica.

Una struttura avveniristica per un museo che è un’esperienza: questa è Esposizione Caffè Mi­lani, visitabile presso la sede della torrefazio­ne. Qui è possibile immergersi nel mondo delle piantagioni grazie a scenografie, suoni, icono­grafie e una vera e propria serra con piante di caffè. Ci si anima nella ricostruzione di un por­to, si apprendono nozioni di botanica e si pos­sono toccare con mano i chicchi delle diverse provenienze. Dalla raccolta del caffè si giunge sino alla tostatura e alla collezione di macchine per espresso storiche e di tazzine raccolte in 80 anni dall’azienda.

Chi incontriamo ad Altascuola Coffe Training Iiac Academy?

Ad accogliere professionisti e coffee lover nella scuola è Elisabetta Milani. Di formazione umanista, ha unito gli studi letterari ad approfondite competenze di marketing laureandosi in Linguaggi dei Media, un’interfacoltà tra Lettere e Filosofia ed Economia presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Dal 2015 si occupa marketing e comunicazione lavorando con i nuovi strumenti di comunicazione digitale, sviluppando strategie per il web e l’e-commerce, organizzando eventi, manifestazioni e corsi di formazione interni e gestendo la sezione museale dell’azienda.

Contatti

Altascuola Coffe Training Iiac Academy, Milani S.p.a. – Via Provinciale per Lecco, 811 – Lipomo (CO) –info@caffemilani.it – www.caffemilani.it

Essere Iiac Academy

Le Iiac Academy sono così supportate dall’Istituto attraverso:

  • garanzia per chi ricerca formazione di qualità che potrà così trovare le scuole accreditate in modo facile;
  • strumenti e supporto nella strutturazione, mantenimento e aggiornamento della scuola: contenuti, linee guida e specifiche tecniche frutto di 25 anni di ricerca e test nel settore del caffè;
  • collaborazione nella promozione e diffusione degli eventi attraverso i media partner Iiac;
  • momenti di scambio e strumenti di comunicazione tra le Iiac Academy e le accademie più importanti del food and beverage.

Leggi anche:

Vetro o porcellana per l’espresso?

26 marzo 2019

Non c’è nulla di più potente della vista quando si vuole fare notare un cambia­mento. Così c’è chi ha pensato che, dopo avere studiato tazzine in porcellana di ogni genere, fosse ora di dare un segnale più forte passando al vetro. Quindi, men­tre paesi – come la Spagna –  tradiziona­li utilizzatori di questo materiale, al bar sono passati alla porcellana spinti dalle critiche verso il vetro, in Italia c’è chi ha pensato di diffonderlo nei pubblici eser­cizi per il servizio dell’espresso.

Ma com’è il percepito dello stesso caffè as­saggiato in diversi supporti misurato da giudici sensoriali e qual è il percepito del­la tazzina e del bicchierino da caffè? Per rispondere a queste domande il Centro Studi Assaggiatori ha eseguito due test comparativi ad alta utili­tà informativa appartenenti alla classe Big Sensory Test, per la precisione il tipo Avan­zato per misurare le caratteristiche perce­pite del caffè e il tipo Analogico-Affettivo per descrivere tre esemplari degli utensili utilizzati: la tazzina dell’assaggiatore Iiac (che di seguito chiameremo tecnica), la tazzina Giacinto di Club House e una tazzina di vetro.

Nell’articolo pubblicato sulla rivista L’Assaggio in allegato sono riportati i risultati di questa ricerca per scoprire  ciò che guadagni e ciò che perdi utilizzando tazze in vetro secondo due test condotti con giudici esperti.

Leggi qui l’articolo.

Leggi anche:

I nuovi Espresso Italiano Trainer, ambasciatori dell’espresso italiano

26 marzo 2019

L’Istituto Internazionale Assaggiatori Caffè (Iiac) dà il benvenuto ai nuovi Espresso Italiano Trainer formati a marzo a Brescia, nuovi ambasciatori nel mondo che porteranno, col patrocinio dell’Istituto Nazionale Espresso Italiano (Inei), la passione per l’espresso italiano ai propri studenti attraverso le tecniche di Espresso Italiano Experience in Italia e nel mondo.

Ecco i nuovi protagonisti che andranno a unirsi così ai più di 250 trainer Iiac abilitati cinque nuovi professionisti e formatori e che potranno così diffondere la cultura italiana dell’espresso e trasmettere le informazioni e la tecniche per scoprire la qualità e le caratteristiche della bevanda attraverso l’assaggio: Patrick Linser (Bolzano), Claudia Balzan (Como), Davide Valenziano (Locate di Triulzi), Manuel Pola (Bologna) e Stefano Mirimich (Roma).

Leggi anche:

Proseguono in Sardegna le selezioni di Espresso Italiano Champion

26 marzo 2019

I migliori caffè e cappuccini di Sardegna li prepara Sara Farci. La barista di Tortolì, 28 anni, ha infatti vinto le selezioni regionali di Espresso Italiano Champion, il campionato baristi organizzato dall’Istituto Nazionale Espresso Italiano (Inei), svoltesi a marzo a Sassari presso la sala di formazione Altascuola. Le prove di selezione curate da AltoGusto, azienda socia dell’Istituto, hanno visto la partecipazione di tredici concorrenti arrivati da tutta l’isola per inseguire il sogno delle finali.

In gara ogni concorrente ha tarato l’attrezzatura e ha preparato in soli 11 minuti quattro espresso e quattro cappuccini sotto gli occhi dei giudici tecnici e il giudizio imparziale svolto alla cieca dalla giuria sensoriale che ha operato alla cieca secondo gli standard indicati dall’Istituto Internazionale Assaggiatori Caffè (Iiac).

“Ho aperto l’attività al centro del paese da circa un anno insieme al mio compagno, ma già da sette anni, gestisco un chiosco-bar sulla spiaggia nella stagione estiva”, spiega la vincitrice Sara Farci.  “È la prima volta che partecipo a una selezione, ma in questi anni ho seguito molti corsi organizzati da Altascuola in Sardegna e anche a Cremona. Questo risultato è una grande soddisfazione personale, ma non mi illudo. La nostra è una professione che richiede molta formazione e continui aggiornamenti, per cui continuerò a impegnarmi per migliorare sempre le mie qualità professionali”. La barista rappresenterà la Sardegna alle finali italiane di Espresso Italiano Champion in programma a giugno a Milano presso Mumac Academy, ultima tappa per arrivare alle finali internazionali della competizione.

Leggi anche:

Espresso Italiano Champion col grande pubblico in Liguria

26 marzo 2019

Espresso Italiano Champion, il campionato baristi organizzato dall’Istituto Nazionale Espresso Italiano (Inei), diventa coinvolgimento del grande pubblico con la gara di selezione coordinata da La Genovese, azienda socia dell’Istituto.

A marzo Finalborgo ha così aperto i suoi chiostri per accogliere gli otto baristi che hanno partecipato alla gara preliminare nel contesto della XIV edizione del Salone dell’Agroalimentare Ligure.
Tanta la professionalità in campo, poche e chiare le regole della competizione, per una gara contro il tempo: 11 minuti per tarare la propria attrezzatura e preparare, sotto lo sguardo vigile dei giudici tecnici, 4 espresso e 4 cappuccini valutati alla cieca da una giuria sensoriale.Vincitore della gara di selezione ligure è Alessandro Alpaca, titolare del Bar Jolly di Albenga, alla prima esperienza in una gara baristi.  Sarà lui a partecipare alle finali italiane di Espresso Italiano Champion in programma a Milano a giugno in Mumac Academy.
 

Leggi anche:

Una settimana dedicata alle scienze del caffè con Iiac

26 marzo 2019

Si è conclusa l’edizione 2019 dei corsi avanzati di analisi sensoriale del caffè dell’Istituto Internazionale Assaggiatori Caffè (Iiac). Il master, svoltisi a Brescia dal 12 al 15 marzo, è il punto più alto di formazione in analisi sensoriale del caffè raggiunto grazie al know-how accumulato dall’Istituto in quasi un quarto di secolo. I corsi sono infatti frutto delle conoscenze acquisite da Iiac e costantemente aggiornate e verificate nel corso del tempo e divulgate in Italia e all’estero in centinaia di corsi che hanno portato la comunità internazionale di assaggiatori ormai quasi a quota 12.000 professionisti in più di 40 paesi del mondo.

Attraverso teoria ed esercitazioni pratiche di assaggio si sono così susseguiti i diversi moduli formativi dedicati alla caratterizzazione sensoriale delle monorigini e miscele (M4), la scienza della tostatura, l’arte della miscela (M5) e la psicofisiologia sensoriale (M3). Un percorso che ha coinvolto torrefattori, baristi, trainer, esperti e assaggiatori alla scoperta dettagliata del fenomeno della percezione e i sensi, strumenti di lavoro dell’assaggiatore, e a legare l’esperienza sensoriale a nozioni precise di chimica, tecnologia e filiera da applicare quotidianamente nella propria professione.

Il gran finale si è realizzato con la formazione dei nuovi Espresso Italiano Trainer, che hanno appreso le tecniche e gli strumenti per diventare ambasciatori dell’espresso italiano e unirsi così ai più di 250 già presenti nel mondo con il patrocinio dell’Istituto Nazionale Espresso Italiano (Inei): il modo più bello per diventare un trainer sensoriale e trasmettere ai propri studenti la passione per l’espresso italiano.

Leggi anche:

L’espresso parla ai giornalisti con Costadoro

18 marzo 2019

Per parlare di caffè alla stampa si possono svolgere eventi per richiamare l’attenzione dei giornalisti oppure è possibile rivolgersi direttamente a loro, fargli vivere l’espresso e anche dare loro strumenti in più per conoscerlo, interpretarlo e quindi anche raccontarlo. Con questo obiettivo Caffè Costadoro, azienda socia dell’Istituto Nazionale Espresso Italiano (Inei), per ben tre anni consecutivi si è confermato partner ufficiale del Festival Internazionale del Giornalismo Alimentare di Torino.

Durante l’evento svoltosi a febbraio Caffè Costadoro ha così organizzato per i professionisti della parola mini sessioni di degustazione e visita privata per gruppi ristretti di giornalisti accreditati alla torrefazione per vivere un tour nel mondo della tostatura e approfondimenti attraverso delle coffee master class tenuta da Carlotta Trombetta (new entry dell’ultima generazione delle tre famiglie che controllano la Costadoro s.p.a.) e i trainer Fabio Verona e Cristian Tetro.

Leggi anche:

L’espresso italiano a Internorga con Wega Macchine per Caffè

14 marzo 2019

Dal 15 al 19 marzo Wega Macchine per Caffè, azienda socia dell’Istituto Nazionale Espresso Italiano (Inei), porta l’espresso italiano a Internorga 2019, il grande evento internazionale che porta ad Amburgo lo sguardo del settore Horeca.

Con cinque padiglioni dedicati ai concetti e alle proposte più innovative del settore, la fiera, giunta alla 93 ° edizione, attrae ogni anno oltre 90.000 visitatori e 1.300 espositori provenienti da tutto il mondo: una vetrina internazionale in cui scoprire tutte le ultime tendenze del mercato, le ultime novità presentate, i nuovi contatti e le relazioni esistenti rafforzate.

Così Wega Macchine per Caffè, porta allo sguardo internazionale l’Espresso Italiano Certificato con la sua linea di macchine presso padiglione B2 / Stand EG311.

 

Leggi anche:

L’espresso italiano a Internorga vola con Astoria Macchine per Caffè

14 marzo 2019

Astoria Macchine per Caffè, azienda socia dell’Istituto Nazionale Espresso Italiano (Inei), vola a Internorga e porta l’espresso italiano nell’importante fiera, riferimento per il settore Horeca a livello europeo e mondiale. Dal 15 al 19 marzo ad Amburgo sono presenti oltre 1.300 espositori provenienti da 25 paesi per proporre le novità ad un pubblico stimato di oltre 100.000 visitatori.

Un appuntamento irrinunciabile in un paese la Germania con un mercato di fondamentale rilevanza internazionale. Presso lo stand (Padiglione B2EG / Stand 102) Astoria ripropone i festeggiamenti per il cinquantesimo anniversario dalla fondazione dell’azienda di Susegana e la gamma di macchine per l’Espresso Italiano Certificato.

 

Leggi anche:

Espresso Italiano Champion nuovamente in Germania a Internorga 2019

12 marzo 2019

L’Istituto Nazionale Espresso Italiano (Inei) si presenta a Internorga 2019, ad Amburgo dal 15 al 19 marzo prossimi, con un affiatato gruppo di soci ed Espresso Italiano Champion. Saranno infatti presenti con i propri prodotti Mokador, La Genovese ed Essse Caffè nello spazio di Espresso Pool, distributore di VBM ed Eureka che metteranno a disposizione le attrezzature. La sera del 18 marzo, sempre all’interno di Internorga, si terrà la finale tedesca di Espresso Italiano Champion 2019, in collaborazione tecnica con la neonata Italian Barista School Germany.

Leggi anche: