Perché fare cultura del caffè è utile: Mario Regazzo racconta Espresso Italiano Experience

16 febbraio 2018
Diffondere la cultura del caffè porta a un contatto diretto col cliente e arricchisce l’immagine delle aziende e dei locali che lavorano in qualità. Mario Regazzo, Espresso Italiano Trainer e titolare di Caffè Sempre, racconta come ha riunito in un seminario Espresso Italiano Experience coffee lovers e professionisti.
 
Perché hai realizzato il seminario Espresso Italiano Experience?
Mi piace parlare di caffè e condividere con le persone la mia passione e il mio lavoro. È bello poter parlare di caffè e coccolare chi ci conosce, apprendere il loro vissuto e condividere un’esperienza.
 
Dove hai svolto il seminario e come hai raccolto le adesioni?
Il seminario si è svolto a Piazzola sul Brenta di Padova presso Caffè Cristallo, una caffetteria pasticceria di nostra gestione. L’associazione locale dedicata alla formazione Free In The World si è occupata della raccolta delle adesioni e della pubblicizzazione dell’evento. Non ho quindi cercato tra chi già collabora con me, ma insieme abbiamo richiamato l’attenzione di tutta la comunità.
 
Che riscontro hai avuto dai partecipanti?
Con un semplice test di gradimento fornito dallo Iiac è possibile verificare immediatamente quanto sia stato apprezzato e ritenuto utile il seminario. La motivazione e la partecipazione dei partecipanti esondava nelle numerose domande poste durante le tre ore di corso. La domanda più posta è stata però cosa fare nel caso in cui l’espresso servito al bar non sia all’altezza del suo nome. Questo mostra che ci sono molti clienti che desiderano qualità, pensiamo a loro.
 
C’è richiesta di momenti di approfondimento sul tema del caffè da parte del pubblico?
Le persone vogliono conoscere il prodotto e rispondono curiosi se viene data loro la possibilità. Proponendo più miscele e fornendo un racconto riguardo alla proposta si stimola la curiosità. E il cliente risponde anche chiedendo corsi. Con Espresso Italiano Experience abbiamo avuto prova che la cultura resta. Anche nei giorni successivi i nostri baristi, servendo il nostro espresso nel locale, hanno incontrato clienti che esclamavano appagati: “Vediamo com’è questo caffè, vediamo la crema e sentiamo gli aromi”.
 
Quali sono i vantaggi reali per gli organizzatori?
Espresso Italiano Experience è un vero e proprio evento. Mostra la cura e interesse che poniamo nei confronti del cliente, richiama l’attenzione della comunità, fa parlare di sé sui giornali e tra le persone. L’immagine del locale e della torrefazione ne risultano quindi arricchite. La cultura del caffè porta vantaggi reali a baristi e torrefattori che lavorano nella qualità perché un cliente formato che ha gli strumenti per valutare il caffè in tazza, presta più attenzione al prodotto e apprezza quanto viene offerto e lo cerca nuovamente ed è disposto a pagarlo di più. L’impegno nella diffusione della cultura e il contatto diretto con le persone sono un potentissimo mezzo di comunicazione, un modo per portare nuove persone attente dentro il locale e a parlare dell’evento organizzato in tutta la comunità. Tutto in modo diretto e sincero, perché non stiamo facendo pubblicità, ma cultura del caffè.
 
Cosa significa per te essere un Espresso Italiano Trainer?
Dar vita ai seminari Iiac è una grande esperienza personale e professionale. È l’opportunità per confrontarmi con un pubblico variegato e interessato, per capire le sue aspettative, il suo grado di attenzione sul prodotto, la sua disponibilità ad apprezzare prodotti di maggior qualità. Posso finalmente parlare con le persone, farmi conoscere e vivere con i clienti l’Espresso Italiano. È bello toccare con mano che il proprio lavoro e impegno sia condiviso e apprezzato da chi sorseggia al bar la tazzina di Espresso Italiano.
 

Leggi anche:

Nasce la prima Iiac Academy: Coffee Bang-A

13 febbraio 2018

Nasce ufficialmente la prima Iiac Academy nel mondo. È il centro di formazione e diffusione della cultura del caffè Coffee Bang-A con sede in Corea. Il volto internazionale dell’Istituto Internazionale Assaggiatori Caffè (Iiac) si conferma testimone della grande attenzione e avanguardia dedicata al caffè all’estero grazie all’impegno promulgato nella diffusione della cultura dell’espresso italiano e all’analisi sensoriale del caffè.

Coffee Bang-A è uno spazio culturale, piccola torrefazione e scuola di formazione con sede a Seul che collabora con Iiac Corea sin dalla sua nascita promuovendo le sue azione ed eventi e organizzando corsi dell’Istituto. Proprio in occasione di una sessione formativa il giorno 30 novembre Carlo Odello, consigliere Iiac, ha consegnato ad Han Ji Wan, amministratore delegato dell’azienda, il certificato di Iiac Academy.​​​​​​​

Frontiera della formazione strutturata del caffè Iiac offre il suo concreto supporto alle aziende e alle scuole che ogni giorno lavorano in qualità nella sua diffusione, mettendo a disposizione le conoscenze, le competenze, la rete di professionisti e aziende costituiti nel corso di un ventennio dedicato alla formazione verso il caffè in tutto il mondo.

Molti i vantaggi riservati alle Iiac Academy tutti volti a formare una comunità di formatori sempre più adeguati alla sfida che li attende: essere guide stimolanti e mai cattivi maestri. 

Le Iiac Academy saranno così supportate dall’Istituto attraverso:

  • garanzia per chi ricerca formazione di qualità che potrà così trovare le scuole accreditate in modo facile;
  • strumenti e supporto nella strutturazione, mantenimento e aggiornamento della scuola: contenuti, linee guida e specifiche tecniche frutto di 25 anni di ricerca e test nel settore del caffè;
  • collaborazione nella promozione e diffusione degli eventi attraverso i media partner Iiac;
  • momenti di scambio e strumenti di comunicazione tra le Iiac Academy e le accademie più importanti del food and beverage.

 

Leggi anche:

Corso di tostatura e miscelazione per l’espresso italiano: a Milano con Antonio Biscotti dal 6 al 9 marzo 2018​​​​​​​

5 febbraio 2018
Sarà Antonio Biscotti il docente del prossimo corso dedicato alla tostatura e alla miscelazione per espresso italiano che si terrà a Milano dal 6 al 9 marzo 2018: tre giorni e mezzo di formazione affidate alle mani del mastro torrefattore della micro-roastery Torrefazione Griso, una delle più affermate a livello nazionale.
Una storia trentennale quella di Antonio Biscotti che, partito come assistente del proprietario della torrefazione, ne è divenuto poi il titolare insieme a Claudia Balzan. Una storia di successo quella del Griso, come usualmente chiamano la torrrefazione gli amici e i clienti, che va di pari passo con l’annesso locale, vincitore tra l’altro del titolo di miglior caffetteria italiana nel 2016 ai Bar Awards di Bargiornale.
 
E sempre nel 2016 la strada di Antonio Biscotti si incrocia con quella di Italian Roasting School, la prima scuola nel nostro paese di tostatura e miscelazione per espresso italiano, nata da un’idea di Paolo Scimone e Carlo Odello e che vede anche la collaborazione di Aldo Verrengia, altro nome di rilievo della scena nazionale. La scuola lavora in Italia e all’estero, specialmente in Asia sui mercati emergenti dove è forte la domanda per una maggiore comprensione del caffè italiano.
 
Dopo una serie di corsi tra agosto 2016 e il luglio 2017 in Cina, Corea e a Taiwan, nel settembre 2017 arriva il primo corso in Italia. Al centro della formazione i temi più rilevanti del mestiere di un torrefattore. Si parte dalla selezione del caffè verde con teoria e pratica mirate a esercitare le capacità tecniche e sensoriali degli allievi nell’individuare i difetti. Si prosegue con la definizione di curve di tostatura corrette per l’espresso italiano e la comparazione con curve errate, il tutto in un’alternanza tra aula e tostatrice. Si lavora poi sulla ricerca di curve specifiche per le singole origini che compongono una miscela con un inquadramento teorico dei parametri ideali e una lunga serie di sessioni di tostatura. Si chiude con il concetto di miscela per espresso italiano che si concretizza in esercizi su diversi stili di miscela. Alla base della didattica un numero ristretto di allievi, un’alternanza bilanciata tra teoria e pratica e una forte interazione con il docente.
 
Guarda il video del corso su YouTube
 
Scarica qui il programma del corso che si svolgerà a Milano a marzo.
 
 
 

Leggi anche:

Tutto su La Genovese a Sigep 2018

18 gennaio 2018
Dal 20 al 24 gennaio si svolgerà a Rimini la XXXIX edizione di Sigep, la fiera dedicata agli operatori professionali nei settori della gelateria, pasticceria artigianale, panificazione e caffè che ha raccolto nel 2017 più di 161mila visitatori e collaboratori provenienti da 40 diversi paesi.
 
Ecco tutte le attività de La Genovese, socio dell’Istituto Nazionale Espresso Italiano (Inei) a Sigep 2018. Presso il Brew Bar & Espresso Bar della torrefazione (padiglione D3 stand 054) sarà possibile degustare i prodotti La Genovese: in particolare le miscele certificate Inei e pluripremiate al concorso internazionale caffè organizzato dall’Istituto Internazionale Assaggiatori Caffè (Iiac), International Coffee Tasting. Particolare attenzione anche per i Specialty Coffee selezionati per bar e coffee lover.
 
È possibile trovare La Genovese a Sigep 2018 presso il padiglione D3 stand 054.
 

Leggi anche:

Tutto su Astoria a Sigep 2018

18 gennaio 2018

Dal 20 al 24 gennaio si svolgerà a Rimini la XXXIX edizione di Sigep, la fiera dedicata agli operatori professionali nei settori della gelateria, pasticceria artigianale, panificazione e caffè che ha raccolto nel 2017 più di 161mila visitatori e collaboratori provenienti da 40 diversi paesi.

 
Ecco tutte le attività di Astoria, azienda associata all’Istituto Nazionale Espresso Italiano (Inei) a Sigep 2018. Presso il padiglione D1 stand 001 Astoria darà spazio alla nuovissima macchina per espresso per baristi professionisti Storm. Sarà possibile provare e testare il prodotto nelle sue caratteristiche peculiari come la tecnologia Super Dry per l’erogazione del vapore.
 
È possibile trovare Astoria a Sigep 2018 presso il padiglione D1 stand 001.
 

Leggi anche:

Wega Macchine per Caffè si racconta attraverso i sogni di sette uomini e donne

17 gennaio 2018

"I sogni fanno parte della nostra vita, ci completano. Chi di noi non ha mai avuto un sogno e ha provato a realizzarlo?"  Un sogno non è mai solamente un sogno per Wega Macchine per Caffè, azienda socio dell’Istituto Nazionale Espresso Italiano (Inei), che si racconta con la nuova campagna #WegaDreamReal: storie di uomini e donne che hanno deciso di inseguire l’eccellenza creando delle storie eccezionali. Sette uomini e donne apparentemente normali, ma speciali nel loro modo di interpretare la vita e di fare della propria passione il loro lifestyle. Persone che quotidianamente mettono impegno e determinazione nel loro lavoro con l’obiettivo di migliorare, senza però perdere di vista il piacere di vivere intensamente la propria passione.

Questi sono i #WegaDreamers, che hanno aperto il loro cuore raccontandosi alle telecamere senza compromessi e filtri in altrettanti DocuMovies presentati con cadenza settimanale all’interno della pagina wegadreamreal.com . Sette cortometraggi ciascuno associato a una delle famiglie di prodotti Wega e ai principi che guidano l’azienda. Forza, semplicità, macinadosatori, energia, accessori, io e purezza prendono vita nella storia di Alvaro, campione di freestyle che è tornato a sognare dopo un brutto infortunio, nella poeticità della vita di Vicky, nella missione dell’orologiaio Antonio, nell’adrenalinica e “urbana” Giada, nell’amore di Marco per l’acqua, nella vita a tutto gas di Enrico e nella caparbietà dell’aviatore Giancarlo.
​​​​​​​
Spiega Paolo Nadalet, amministratore di Wega nel suo video messaggio lancia la campagna #WegaDreamReal: “Credere nel proprio progetto e non smettere mai di sognare, questo è il nostro modo di interpretare il lavoro. Perché un sogno non è mai solamente un sogno.”
 
Così sognando Wega Macchine per Caffè si presenta alla XXXIX edizione di Sigep Rimini da 20 al 24 gennaio, al padiglione A1 stand 007, e presenta il nuovo modello Urban, macchina green in grado di dialogare col barista dandogli il massimo supporto.
 
Guarda il primo wegadream qui
 

Leggi anche:

Tutto su Caffè Milani a Sigep 2018

15 gennaio 2018

Dal 20 al 24 gennaio si svolgerà a Rimini la XXXIX edizione della fiera dedicata agli operatori professionali nei settori della gelateria, pasticceria artigianale, panificazione e caffè che ha raccolto nel 2017 più di centosesantunomila visitatori e collaboratori provenienti da 40 diversi paesi.

Ecco tutte le attività di Caffè Milani, socio dell’Istituto Nazionale Espresso Italiano (Inei) a Sigep 2018. La torrefazione sarà presente con il nuovo progetto Espresso System Milani, presso l’isola sensoriale organizzata dai Narratori del gusto. In questo spazio numerosi specialisti del gusto e della narrazione realizzeranno giochi sensoriali interattivi che si alternano a seminari formativi su miscele e singole origini e degustazioni dei caffè sia in purezza,si in abbinamento ad altri prodotti, quali biscotti e cioccolato.
 

Leggi anche:

Iiac Academy con i Narratori del gusto e la Conferenza delle accademie a Sigep di Rimini 20-24 gennaio

15 gennaio 2018
Insegnare è bello, imparare a volte è triste e faticoso. Ecco perché è nata la Conferenza delle Accademie in seno ai Narratori del gusto, per fare un trasferimento della conoscenza in modo piacevole e accattivante, attraverso il gioco e la partecipazione attiva. Conferenza di cui fa parte Iiac Academy. Per cinque giorni durante il Sigep di Rimini, nel padiglione D3 stand 21-61 avrete modo di sperimentare di persona nuove tecniche anche per giocare al bar e al ristorante.
 
Siete stufi dei soliti workshop in cui qualcuno pontifica? Vi piacciono i percorsi formativi strutturati in pillole facili da ricordare? Vorreste portarvi a casa l’esperienza di qualche gioco sensoriale da fare con gli amici? C’è un nuovo modo per proporre un prodotto a un cliente?
Se così è Sensory Academy fa al caso vostro, con microseminari costruiti sulla vostra percezione, giochi con caffè intriganti, gelato innovativo, cioccolato eccellente, grappa, acqueviti e amari firmati, biscotti generati con lievito madre e, per finire, un banco di assaggio modello Stratus Tasting sugli stili dell’espresso.
 
Iiac Academy sarà parte del gruppo di scuole che proporranno questo programma di iniziative, tutto sotto l’egida della Conferenza delle Accademie, il gruppo costituito nell’ambito dei Narratori del gusto che comprende Alma, la scuola internazionale di cucina italiana, l’Accademia Gualtiero Marchesi, l’Università del Caffè Illy, Lavazza Training Center, Cremonini Academy, Carpigiani Gelato University, Mumac Academy e Bazzara Academy.
 
Microseminari e giochi saranno realizzati con i prodotti di Caffè Milani, Bottega, Bazzara, Torrefazione Saturno, Jolly Caffè, Carpigiani, Distilleria F.lli Caffo, Domori, Biscottificio Grondona e Lavazza.
Tutte le attività sono a ciclo continuo, gratuite e richiedono poco tempo. Ma chi si appassiona può anche passarci la giornata, per avere colloqui diretti e costruire relazioni con grandi professionisti del settore.

Leggi anche:

Tutto su Dersut Caffè a Sigep 2018

15 gennaio 2018
Dal 20 al 24 gennaio si svolgerà a Rimini la XXXIX edizione della fiera dedicata agli operatori professionali nei settori della gelateria, pasticceria artigianale, panificazione e caffè che ha raccolto nel 2017 più di 161mila visitatori e collaboratori provenienti da 40 diversi paesi.
Ecco tutte le attività di Dersut Caffè, torrefazione trevigiana socio dell’Istituto Nazionale Espresso Italiano (Inei) a Sigep 2018. Presso lo stand della torrefazione (Stand 149 – Padiglione D1) sarà possibile gustare miscele, specialità e novità delle caffetterie Dersut e mettersi alla prova guidati dagli esperti formatori aziendali con due eventi giornalieri:
​​​​​​​
ore 11:00 Adesso tocca a te!
Tutorial sulla preparazione dei Capricci di Caffè Dersut e degustazione miscele.
 
ore 16:00 Corso base di caffetteria e latte art
Le 3P dell’espresso perfetto e le tecniche principali per la preparazione e decorazione del Cappuccino.
 
È possibile trovare Dersut Caffè al Sigep 2018 presso lo Stand 149 – Padiglione D1.

 

Leggi anche:

Mumac – Museo della Macchina per Caffè è luogo di cultura on line

29 dicembre 2017
Mumac – Museo della Macchina per Caffè di Gruppo Cimbali diffonde la cultura dell’espresso italiano sul web con un nuovo sito in cui trovare preziose informazioni sulla storia, il presente e il futuro del caffè, il modo di assaggiarlo, i segreti per la preparazione del perfetto espresso italiano e database di grande valore scientifico.
Nel blog We love coffee si scoprono le tendenze, i metodi di assaggio, i punti di contatto con le diverse forme di arte e l’espresso, la sua storia, dalle leggende legate alla sua scoperta, ai primi metodi di estrazione, fino alle ultime tendenze e in fine i segreti di un espresso a regola d’arte.
Prezioso strumento per chiunque svolga ricerca nel mondo del caffè è la sezione Mumac Library, la seconda biblioteca più grande al mondo dedicata al caffè ospitata all’interno del museo. Il suo motore di ricerca permette infatti di conoscere la disponibilità in archivio di volumi su specifici temi di interesse tra le oltre 1.000 pubblicazioni presenti nella Library. La pagina dedicata a Mumac Academy offre tutta la formazione erogata, tra cui i corsi dell’Istituto Internazionale Assaggiatori Caffè (Iiac).
Tutti possono essere protagonisti del nuovo sito attraverso il Social Wall, in cui vengono condivisi i migliori post e fotografie dedicati al caffè tratti dal mondo dei social network.
È possibile in oltre scoprire gli eventi speciali, le mostre temporanee, i corsi, come prenotare le visite al museo e tutte le novità  su www.mumac.it

Leggi anche: